Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Un SÌ da cittadino per il cambiamento

Non si può lasciare il Paese alla mercé di populisti, sciamani e integralisti che hanno ridotto il dibattito pubblico ad un assordante e inqualificabile schiamazzo, impedendo l’esercizio civico del dovere e del rischio del dialogo fino in fondo e del criterio di laicità e di razionalità/ragionevolezza nelle scelte da compiere. Se continuerà a imperversare tale clima, si consoliderà l’idea di un'Italia immobile, immodificabile e irriformabile. E allora sarà davvero la fine

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Voterò SÌ al referendum costituzionale perché questa riforma è attesa da alcuni decenni e non possiamo permetterci il lusso di rinviarla ancora. Il cambiamento è vitale per una società che vuole fiorire e migliorare le proprie condizioni. Se ad un organismo si impedisce la fioritura rendendolo resistente al cambiamento, esso inevitabilmente arretra, declina e muore. Se l’Italia incontra ancora molte difficoltà ad uscire dalla crisi economica è anche per la endemica debolezza delle sue istituzioni. Una debolezza che fa prosperare piccole e grandi caste, alimenta privilegi e rendite di posizione, impedisce di cogliere nuove opportunità e lascia spazio all’inerzia e all’immobilismo, in cui le diseguaglianze vecchie e nuove sono destinate ad allargarsi a dismisura.

Voterò SÌ per non lasciare il Paese alla mercé di populisti, sciamani e integralisti che hanno ridotto il dibattito pubblico ad un assordante e inqualificabile schiamazzo, impedendo l’esercizio civico del dovere e del rischio del dialogo fino in fondo e del criterio di laicità e di razionalità/ragionevolezza nelle scelte da compiere. Se continuerà ad imperversare tale clima, si consoliderà l’idea di un’Italia immobile, immodificabile e irriformabile. E allora sarà davvero la fine.

Voterò SÌ perché è giusto chiudere la fase dell’instabilità dei governi e aprire quella di una democrazia decidente, che si può realizzare solo rendendo più efficaci le funzioni dell’esecutivo e quelle legislative e di controllo del Parlamento. È bene semplificare il percorso per fare le leggi, superando il bicameralismo paritario che è causa di lentezze ingiustificabili. E poi non se ne può più dell’eterno conflitto tra Stato e Regioni che ritarda ogni decisione importante per i cittadini. È giusto, dunque, eliminare le competenze concorrenti tra Stato e Regioni e dare dignità costituzionale alle autonomie con il nuovo Senato.

Voterò SÌ perché la riforma è pienamente inscritta nei valori fondanti della Carta costituzionale e non presenta affatto alcuna minaccia di autoritarismo. I poteri del Presidente della Repubblica e della magistratura sono, infatti, rimasti completamente intatti. Può anche darsi che la legge elettorale non sia perfetta, ma è bene individuare le imperfezioni nel concreto della sua operatività per migliorarla successivamente. In ogni caso la riforma costituzionale non riguarda la legge elettorale.

Voterò SÌ perché, nel rafforzare le prerogative del Parlamento e del governo, non ci saranno più scuse per continuare a ritardare due cose importanti: la partecipazione attiva e più efficace del Paese nella costruzione di un’Europa politica e, nello stesso tempo, l’attuazione dei diritti di cittadinanza, a partire dal diritto dei cittadini all’autogoverno. La riforma rafforza, infatti, gli istituti di democrazia diretta e di partecipazione popolare. E conferma pienamente la scelta europea e la sussidiarietà nei rapporti tra cittadino e istituzioni e tra i diversi livelli istituzionali, principio quest’ultimo introdotto nella riforma costituzionale del 2001 e non ancora attuato.

Voterò SÌ perché intendo finalmente levarmi la veste di suddito e indossare quella di cittadino e così edificare da protagonista, dal basso e con vero spirito federalista, insieme agli altri cittadini, un’articolazione variegata degli istituti della democrazia, dalla comunità autogovernata di strada e di quartiere in cui vivo e dal diversificato tessuto della società civile in cui opero al municipio metropolitano che deve poter acquisire la dignità di Comune, dal Comune piccolo o grande che deve volontariamente associarsi con altri per gestire funzioni complesse, alla Regione che deve dismettere improprie funzioni di gestione ed esercitare solo quelle di programmazione, dallo Stato che deve acquisire efficienza, semplicità e capacità di orientamento agli Stati Uniti d’Europa la cui utopia rimane, per ciascuno di noi europei, la prospettiva concreta e realistica affinché si realizzi finalmente lo “status” di cittadino del mondo.

Related Post

3 Responses to Un SÌ da cittadino per il cambiamento

  1. tommaso capezzone Rispondi

    4 maggio 2016 a 11:47

    DISCORSO SUL POTERE SOVRANAZIONALE
    Quando si fa o si modifica sostanzialmente una Costituzione questa è frutto non solo del dibattito culturale sociale e politico di quella nazione, ma anche di un contesto politico economico culturale sovranazionale.
    Se non comprendiamo questo non capiamo niente della partita in atto sul referendum confermativo della riforma costituzionale che si terrà ad ottobre.
    In un bell’articolo sull’Unità sui trentanni di internet Walter Veltroni qualche giorno fa ci ricordava come tra le profonde modifiche che quest’invenzione, che lui paragona a quella del motore a scoppio, ha apportato alla vita planetaria contemporanea c’è quella della totale discrasia tra la rete e i processi istituzionali.
    Questo conflitto è stato reso evidente dalla terribile vergogna che il potentissimo FBI ha dovuto subire nel ricorrere ad un hacker per craccare lo smartphone di un terrorista che la Apple si rifiutava di rendere accessibile.
    Queste questioni saranno sempre più all’ordine del giorno e se non si riuscirà a rendere più adeguati alle necessità dei tempi i processi istituzionali prenderanno corpo pericolose illusioni di democrazia diretta tramite la rete che nulla hanno di realmente democratico.
    La storia c’insegna che non facendo riforme adeguate alle necessità del proprio tempo si apre la strada a scorciatoie realmente antidemocratiche.
    L’ultima storia che abbiamo già rimosso è quella della partita greca che Tsipras ha giocato e perso contro il potere sovranazionale della Commissione Europea e dei mercati.
    Tsipras ha cercato inutilmente di resistere qualche settimana all’attacco violento dei mercati ma, quando si è reso conto che proseguire sarebbe stato solo accanimento terapeutico e che il prezzo di quella partita lo stavano pagando i più deboli, ha capito che la lotta era impari e ha trattato una resa onorevole.
    Un altro aspetto da tener presente è che i tentativi non velleitari di fuoriuscita dall’Europa, per esempio l’inglese e il francese, sono sempre di destra anche perchè come diceva Einaudi l’inflazione è la più iniqua delle tasse per i più deboli e poveri.
    E siccome l’unica partita reale contro l’intransigenza monetarista europea la sta combattendo Renzi con l’arma delle riforme io, per essere chiaro, propugno “Una Sinistra che dica SI'”.

  2. tommaso capezzone Rispondi

    4 maggio 2016 a 11:54

    “Il paese là dove il sì suona”‏

  3. jungnicole Rispondi

    4 gennaio 2017 a 11:37

    testimone
    Ciao, veri e propri esseri umani sono quelli là fuori che sa venire in loro aiuto quando subiscono simili. Quest’uomo mi ha fatto un prestito di 70.000€ senza tutto complicare il mio posto nei documenti richiesti dalle banche domande di prestito. Se siete in difficoltà finanziarie, grazie a lui oggi ho il grande mercato della curva, lui era il mio salvatore e io davvero non so cosa fare così ho deciso oggi di testimoniare sulla sua per è possibile contattare via e-mail e seguire le linee guida e sarete soddisfatti in massimo 48 ore .I può confermare da quel momento e se è successo che avete bisogno di un prestito si prega di contattare lui bene. Quindi che ne hanno bisogno, come me, è possibile scrivere a lui e spiegare la situazione che potrebbe aiutare la sua mail: roland.jeanpierre@financier.com

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>